fbpx
come farsi trovare su google con la local seo

Posizionamento locale: come farsi trovare su Google (gratis)

Vuoi che la tua attività sia ben visibile su Google? Purtroppo non basta avere un sito nuovo e bello o avere tanti follower sui social (soprattutto se questi sono solo amici di amici e non persone veramente interessate al brand). A fare la differenza è – anche – il marketing locale, che permette di dare valore ai clienti e aumentare la tua visibilità sul motore di ricerca! Ma come farsi trovare su Google, allora? Te lo spiego subito.

Probabilmente ti sarà capitato un centinaio di volte di vedere il local marketing di altre aziende in azione, ma non sapevi riconoscerlo.

Analizziamolo insieme con questo esempio.

Scrivi nella barra bianca di Google “ristorante padova”: i primi risultati che compaiono sono agriturismi e locali che rispondono a 3 fattori fondamentali che tanto piacciono a Google (di cui ti parlerò più avanti).

Solo con questa semplice ricerca hai ottenuto diverse informazioni sui ristoranti, come l’orario di apertura, i piatti migliori, i servizi disponibili, le recensioni dei clienti, il numero di telefono e l’indirizzo. Tutte informazioni che hanno contribuito a farti scegliere dove andare a mangiare.

Questo meccanismo fa parte delle strategie di marketing per negozi definita local SEO, quella parte di ottimizzazione e miglioramento della propria attività sul web a livello locale, o meglio geolocalizzato.

Lo sapevi che 4 persone su 5 utilizzano le ricerche Google per ottenere informazioni locali?

Come apparire su Google grazie al Marketing Locale

Torniamo alla nostra ricerca.

Se il ristorante che hai scelto non avesse seguito le indicazioni di local seo marketing per negozi, non lo avresti trovato e non avresti consumato il pranzo presso di lui.

Ecco perché lavorare sul marketing locale ti permette, in modo totalmente gratuito, di:

  • Farti trovare da potenziali clienti e aumentare quindi il fatturato.
  • Specificare meglio il tuo target – i tuoi clienti tipo, cioè il cosiddetto buyer persona – quindi di avere una concorrenza minore.
  • Aumentare notevolmente le possibilità di posizionarti nelle prime posizioni rispetto a chiavi di ricerca generiche e più ampie.

Leggi anche questo post per scoprire come essere primi su Google.

3 fattori da rispettare per farsi trovare su Google

Secondo una guida rilasciata direttamente da Google, il posizionamento dei risultati di ricerca locali è deciso sulla base della valutazione combinata di 3 fattori: pertinenza, distanza ed evidenza.

  1. Pertinenza: è l’indicatore di corrispondenza tra la ricerca effettuata dall’utente, ovvero il tuo potenziale cliente, e il profilo dell’attività locale. Occorre mettere a disposizione di Google tutte le informazioni che gli permettano di analizzare la tua azienda e di associarla con la richiesta dell’utente. Più puntuali, dettagliate e complete sono le informazioni, maggiori saranno le corrispondenze.
  2. Distanza: si tratta della vicinanza tra le aziende locali e l’utente che ha fatto la ricerca. Grazie al rilevamento delle coordinate geografiche, infatti, Google riesce a stimare la posizione dell’utente al momento della ricerca e a restituire i negozi più vicini a lui. In questo caso i risultati possono variare molto se l’utente si sposta anche solo di 100 metri.
  3. Evidenza: ovvero il livello di importanza di un’attività o un’azienda locale. Tale importanza viene calcolata sulla base delle informazioni presenti in rete, dalle recensioni, le citazioni, i link e gli articoli che parlano del tuo negozio.

Per ottenere successo nel posizionamento locale il mio consiglio è quello di lavorare su tutti e tre i fattori, senza focalizzarti su uno in particolare. Assicurati che le informazioni sulla tua attività siano sempre aggiornate, incentiva i clienti a scrivere una recensione, aggiungi immagini e foto del tuo negozio.

Lo strumento messo a disposizione da Google per modificare le informazioni e monitorare le statistiche della tua attività locale è Google My Business, fondamentale per il local marketing e per apparire su Google stesso.

Google My Business: la chiave del local marketing

Google My Business (GMB) fa parte delle piattaforme messe a disposizione per gestire la presenza della propria azienda online in modo gratuito. Attraverso questa piattaforma è possibile aggiornare e modificare le informazioni relative alla propria attività, monitorare le recensioni dei clienti e aggiungere foto e video.

Per iniziare:

  • Accedi a Google con il tuo indirizzo Gmail
  • Clicca sul quadrato a puntini accanto all’immagine del profilo e accedi a Google My Business
  • Inserisci tutte le informazioni di base della tua attività come il nome dell’azienda e l’indirizzo preciso
  • Seleziona la categoria della tua attività
  • Indica una modalità di verifica dell’identità (sms, telefono, cartolina, mail)

A questo punto Google attiverà il processo per verificare che nel punto geografico da te indicato ci sia realmente la tua attività: questo accertamento è fondamentale perché contribuisce ad aumentare il livello di affidabilità della tua scheda.

Dopo la verifica potrai iniziare a personalizzare la scheda Google My Business del tuo negozio indicando i servizi disponibili, l’orario di apertura, aggiungendo foto dell’interno e dell’esterno e video di presentazione dei prodotti e dei servizi.

Questo momento è importante perché permette sia a Google sia ai tuoi potenziali clienti di trovare le informazioni che stanno cercando e che verranno mostrate come risposta alle loro ricerche sia sulla barra di Google sia su Google Maps.

Leggi anche questo articolo in cui ti guido passo passo nella creazione della tua scheda GMB.

Farsi trovare su Google: le basi della Local SEO

Per ottimizzare il posizionamento local della tua azienda occorre mettere in atto diverse strategie di marketing per negozi. Lavorare su più fronti, infatti, ti permetterà di raggiungere i risultati che desideri e ottenere visibilità.

Gli aspetti su cui devi lavorare sono:

  • SEO On Page: nella pagina del tuo sito che vuoi far apparire nelle ricerche locali aggiungi il nome della città nei punti più rilevanti come nel titolo, nella descrizione e nell’url della pagina.
  • Contenuti: cerca di creare contenuti originali e interessanti, che offrano davvero del valore ai tuoi clienti.
  • Assicurati che nel tuo sito web e nei tuoi social network il nome della tua azienda e il tuo indirizzo siano sempre scritti allo stesso modo secondo l’ordine NAP: nome, indirizzo, numero di telefono.
  • Ottieni link al tuo sito, individua gli spazi web più importanti per il tuo settore e cerca di inserirti.

Come avrai capito svolgere attività di local marketing è fondamentale per sviluppare il proprio business e permettere al web di conoscerti. Certo, richiede qualche sforzo, ma seguendo i semplici passaggi che ti ho mostrato potrai iniziare ad ottenere i primi risultati.

Se vuoi approfondire il funzionamento di Google My Business e ottimizzare la tua scheda, nella mia Academy c’è il corso che fa per te.

corso google my business

 

 

Share:

Ti potrebbe piacere anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *